Gentile Socio,
anche in questo particolare momento, CO.FI.SAN. è chiamata a offrire ai suoi associati l’adeguato supporto e sostegno nella gestione delle conseguenze economiche provocate dall’emergenza sanitaria in atto.

Con questo spirito, il Consorzio intende garantire il suo costante impegno per consentire alle aziende di usufruire, con immediatezza e facilità, delle misure di sostegno alla liquidità e accesso al credito contenute nel D.L. 17 marzo 2020 n. 18 c.d. “Cura Italia” e nel D.L. 8 aprile 2020 n. 23 c.d. “Liquidità”.

Il pacchetto varato dal governo ha stabilito misure di garanzia che prevedono coperture per le imprese in funzione della loro dimensione e della tipologia di operazione.

In particolare per le Pmi sono previste tali forme di aiuto:

  • garanzia al 100% per i prestiti di importo non superiore al 25% dei ricavi fino a un massimo di 25.000 euro, senza alcuna valutazione del merito di credito. In questo caso le banche potranno erogare i prestiti senza attendere il via libera del Fondo di Garanzia.
  • garanzia al 100% (di cui 90% Stato e 10% Confidi) per i prestiti di importo non superiore al 25% dei ricavi fino a un massimo di 800.000 euro, senza valutazione andamentale;
  • garanzia al 90% per i prestiti fino a 5 milioni di euro, senza valutazione andamentale.

Ora, più che mai, è importante affiancare le aziende e favorire il ricorso alla liquidità necessaria, per questa ragione CO.FI.SAN. ha deciso di riservare ai professionisti e alle imprese associate particolari condizioni agevolate nell’erogazione dei propri servizi.

In particolare è esclusa l’applicazione di commissioni, per importi fino a € 25.000,00. Per tutti gli altri importi verranno applicati tassi agevolati e commissioni ridotte.

Per ultimo, ma non di minore importanza, è la misura straordinaria introdotta dalla Regione Siciliana:

FONDO SICILIA GESTIONE SEPARATA
Misura straordinaria emergenza COVID 19
Contributo a fronte di finanziamenti concessi alle imprese con sede in Sicilia danneggiate dall’emergenza epidemiologica da COVID-19 a valere sul Fondo Sicilia ex art. 2 L.R. 22 febbraio 2019.

La Linea di intervento prevede un Contributo a fondo perduto dell’11% relativo a finanziamenti chirografari della durata di almeno 15 mesi (di cui almeno 3 mesi di preammortamento), di importo non superiore a 100.000,00 euro, concessi dal sistema bancario e dagli intermediari finanziari ex art. 106 del TUB, alle imprese aventi sede in Sicilia.

L’importo del contributo è pari:

  • al 5% dell’importo del finanziamento bancario erogato e comunque sino ad un massimo di 5.000 euro, proporzionale all’importo del finanziamento, per ciascuna impresa beneficiaria, in caso di preammortamento di almeno 3 mesi.
  • al 8% dell’importo del finanziamento bancario erogato e comunque sino ad un massimo di 8.000 euro, proporzionale all’importo del finanziamento, per ciascuna impresa beneficiaria, in caso di preammortamento di almeno 12 mesi.

In aggiunta al contributo di cui al punto precedente, è previsto un ulteriore contributo a fondo perduto (voucher garanzia) sui finanziamenti alle imprese con sede in Sicilia concessi da banche e/o intermediari finanziari ex art. 106 ed assistiti da garanzia dei confidi. Detto contributo è pari al 3% del finanziamento erogato e sino ad un massimo di 3.000 euro e può essere concesso all’impresa beneficiaria anche con versamento al confidi, da calcolarsi anche per più operazioni finanziarie.

È intento di CO.FI.SAN., quindi, avvalersi delle misure a sostegno delle imprese con tutti gli strumenti messi a disposizione dallo Stato a livello nazionale e dalla Regione Siciliana a livello locale.

Pertanto, qualora interessati, potrete contattare i nostri uffici per eventuali chiarimenti o per analizzare la fattibilità di avvalersi di tali strumenti di aiuto.

Fiducioso che la collaborazione tra le imprese e Consorzio porterà ad una ripresa seppur graduale della nostra economia,
porgo cordiali saluti.

Direttore Generale
Andrea Pappalardo

CO.FI.SAN.